Crea sito

Castello di Bauso, XIII Settimana della cultura. Dalla Sicilia all’Olanda andata e ritorno: gli Ulfo duo

CASTELLO DI BAUSO (Villafranca Tirrena – ME) – XIII Settimana della Cultura – Ci fanno grande simpatia Franco e Marcello Ulfo, due musicisti di Villafranca Tirrena che hanno realizzato un sogno, quello di suonare per otto anni in Olanda e poi di cancellare l’incubo di non rivedere il sole, il mare e la terra delle loro origini. A parte la musica, probabilmente dobbiamo imparare molto da questi due “musicanti” che, come ha sottolineato Piero La Tona nel suo intervento, hanno avuto il coraggio di avventurarsi in un terreno sconosciuto e pieno di insidie. Stasera gli Ulfo duo si esprimeranno con il loro linguaggio preferito: la musica. Auguriamo loro di trovare successo e gratificazioni professionali anche qui, in questa terra tanto baciata dal sole quanto arida dal punto di vista economico.

Castello di Bauso, XIII Settimana della cultura: doppio spettacolo con Gaudì Clarinet Trio e Sikè

CASTELLO DI BAUSO – (Villafranca Tirrena – ME) Doppio appuntamento musicale stasera al castello di Bauso, nell’ambito della XIII settimana della Cultura: nel salone delle feste si esibiranno il Gaudì Clarinet Trio Sikè.

Ecco le biografie degli artisti di stasera:

Il “Gaudì Clarinet Trio” è una formazione musicale nata diversi anni fa dall’impegno e la passione di tre studenti del Conservatorio A. Corelli di Messina: Giuliana Nicotra, Marta Arcodia e Lucio Brancati, tutti allievi del M° Carmelo Crisafulli, che negli anni ha fornito e fornisce un prezioso contributo alla loro formazione artistica. Il loro percorso di studi ha previsto e prevede ad oggi la partecipazione a masterclass estive di perfezionamento nazionali ed internazionali (come il MusicaRiva Festival), stage e campus, diretti da Maestri di fama internazionale quali il M° Calogero Palermo (clarinetto co-principal dell’Orchestre National de France e 1° clarinetto dell’Opera di Roma) ed Enrico Maria Baroni (1° clarinetto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai). I membri del trio si sono affermati in alcuni prestigiosi concorsi nazionali (Concorso “Città Metropolitana di Reggio Calabria” e Concorso “Città di Barcellona P.G.”) e internazionali (Concorso “Saverio Mercadante”). Hanno inoltre ricoperto e ricoprono i ruoli di 1° clarinetto e clarinetto basso solista presso l’Orchestra Sinfonica e l’Orchestra Fiati del Conservatorio A. Corelli di Messina, esibendosi nelle maggiori sale da concerto e teatri della città per varie società concertistiche. Sono stati diretti da maestri quali Lino Blanchod e Antonino Fogliani e hanno collaborato con solisti quali Ivano Buat (1° tromba solista del Teatro Regio di Torino). Ricordiamo anche l’idoneità ottenuta alle audizioni per l’Orchestra Nazionale dei Conservatori per i ruoli di clarinetto e clarinetto basso. Il trio si esibisce regolarmente in città e provincia, riscuotendo ovunque largo consenso di pubblico.

sikè
Sikè – Musica mediterranea e ricerca delle tradizioni popolari –

Il progetto Sikè nasce dall’incontro fra musicisti di formazione classica, popolare, jazz e da un’attenta e minuziosa ricerca sulle tradizioni popolari della Sicilia.
Le nostre ricerche spaziano dalle antiche banniate (grida di venditori ambulanti) ai suoni di reminescenza arabo-spagnola, ai canti e alle litanie dello stretto. La nostra musica è prettamente acustica ed eseguita con strumenti come il mandolino, la chitarra, il contrabbasso, i flauti, la tromba e le percussioni. I testi sono scritti in dialetto ed in particolare vengono utilizzate parole dell’antico vernacolo siciliano.
La formazione conta di sei elementi:
Giorgio Trifirò autore e voce leader
Alessandro Adornetto fisarmonicista
Nico Isgrò alla chitarra
Giovanni Ragno ai flauti e al clarinetto
Dario Calamera alle percussioni
Salvo La Rosa contrabbasso e basso elettrico
Porta avanti un progetto culturale chiamato “Emigranti ‘ntà me terra” che ha trovato nella pubblicazione del primo CD “’O Cuncè” il naturale compimento. Presentato nella splendida cornice di Castroreale alla manifestazione Suoni del Sud (2008), il CD ospita la voce storica dei Kunsertu Picco Barile nella fantastica ballata “C’era nù paisi” e il trio Encanto nel brano “Mi manchi tu”.
Dentro il solco della musica mediterranea i Sikè intrecciano suoni e ritmi a simboleggiare quello che è la natura della propria terra, senza disdegnare quella sperimentazione vitale per dare uno sguardo intelligente al futuro che ci attende volendo indicare metaforicamente un percorso da intraprendere per questa terra verso un futuro prospero di meravigliose sorprese..
Numerose sono state le esibizioni live nelle città e nei locali della provincia di Messina e non solo (Fondachello Valdina, Milazzo, Castroreale “Parco Jalari”, Melia di Sicilia) e le partecipazioni ai festival etnici (riscuotendo sempre notevole consenso): da ricordare, nel 2008 l’esibizione a Teramo per la Rassegna di Musica, Danza e Canto popolare e la partecipazione al 32° incontro di Folklore Internazionale di Penna Sant’Andrea; nel 2010 la partecipazione alle Selezioni per il Sud Italia del concorso nazionale “Suonare a Folkest”.

Didimo e il suo sarto

Il sarto Antonino Pino
Il sarto Antonino Pino

SAPONARA – Bottoni comprati sulle bancarelle dei mercati, stoffe senza molte pretese cucite su modelli stile anni ’30. Così ama vestirsi la signora Curtò, moglie di Diego, il presidente-scrittore del Tribunale di Milano finito nelle maglie di tangentopoli alla fine della scorsa estate. Una cliente difficile, che tira sul prezzo della manifattura e non ha ancora ritirato alcuni abiti, per il suo sarto di fiducia, Antonino Pino, 67 anni, single di Saponara, alle spalle lunghi anni trascorsi nelle migliori sartorie di tutt’Europa; da qualche tempo rientrato nella pace paradisiaca di contrada Musarra, in mezzo ai giardini di agrumi dove vive con la zia e i suoi ricordi giovanili.

Leggi ancora

Chi ha messo in ginocchio l’apicoltura

apicoltura2
MESSINA – Si chiama «varroasi» il male che ha messo in ginocchio l’apicoltura messinese. E’ un parassita, invisibile ad occhio nudo, che si nutre dell’emolinfa delle api sino alla loro completa debilitazione. In Italia è arrivato anni addietro con alcuni sciami acquistati nell’isola di Giava.

Gli imprenditori settentrionali, nella prima metà degli anni Ottanta, non hanno esitato ad immetterli nel mercato nazionale a prezzi stracciati. Da qui il loro ingresso in Sicilia, che altrimenti sarebbe potuta uscire indenne da quello che si è rivelato il nemico numero uno dell’apicoltura mondiale.

Leggi ancora