Tag Archives: finanziere

81 anni, vuol tornare Finanziere

69420_151020071605882_3255720_n

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=151020071605882&set=a.745158255525391&type=3&theater

 

CASTROREALE – Nel 1945 lo allontanarono dalla Guardia di Finanza per un sospetto. Più di mezzo secolo dopo, ad ottantuno anni suonati, se il Tar della Lombardia gli darà ragione Carmelo Donato potrebbe coronare il sogno di una vita, cioè quello di tornare a vestire l’amata divisa di finanziere. Originario della frazione Bafia di Castroreale, dove torna ogni estate ospite della sorella Maria Carmela e dei nipoti, ma residente a Milano, Donato ha conosciuto una lunga odissea, cominciata il 28 marzo ‘45. Continue reading

Carmelo Donato ha 81 anni e vuole ritornare in servizio nella Guardia di Finanza

CASTROREALE – Nel 1945 lo allontanarono dalla Guardia di Finanza per un sospetto. Più di mezzo secolo dopo, ad ottantuno anni suonati, se il Tar della Lombardia gli darà ragione Carmelo Donato potrebbe coronare il sogno che ha inseguito per tutta una vita, cioè quello di tornare a vestire l’amata divisa di finanziere. Originario della frazione Bafia di Castroreale, dove torna ogni estate ospite della sorella Maria Carmela e dei nipoti, ma residente a Milano, dove lavora ancora nella sua piccola azienda, Donato ha conosciuto una lunga odissea, cominciata il 28 marzo 1945. In quei giorni era in forza alla Seconda Compagnia della “Brigata volante”, e si trovava ricoverato presso l’ospedale militare di Milano, dove gli stavano curando una ferita causata dalla scheggia di una bomba, un brutto ricordo del servizio prestato nei Balcani. Alle nove del mattino arriva in ospedale il tenente Luigi Macchi e non si tratta di una visita di cortesia: “Donato, mi spiace, ti hanno trasferito”, comunica lapidario l’ufficiale al suo sottoposto che cade dalle nuvole. “Ma come, trasferito? – replica Donato – Io devo andare in convalescenza, mi hanno dato 40 giorni”. “Non chiedermi altro, non lo so – ribatte in modo ancor più sbrigativo il tenente Macchi – Sei trasferito alla Brigata Gravedona”. Le cose non stavano proprio così: Carmelo Donato qualche ora dopo si ritrova rinchiuso nelle celle di sicurezza della Legione. Qui un capitano della Finanza, Armando Molino, notifica al castrense una sorta di sentenza senza appello: Continue reading