Crea sito

Palermo, istituito un osservatorio regionale sui prezzi.

PALERMO– Dalla Camera di commercio di Palermo giunge una notizia positiva per i consumatori siciliani: è stato infatti firmato un protocollo d’intesa per l’istituzione di un osservatorio regionale sui prezzi, che avrà il compito di vigilare sulle oscillazioni dei costi dei beni di consumo e prevenire immotivati incrementi ed eventuali speculazioni.
Hanno sottoscritto l’accordo la Lega consumatori, Federconsumatori, Adiconsum, Adoc, Unioncamere e Confcommercio.
L’osservatorio si incaricherà di rilevare i prezzi all’ingrosso ed al consumo in tutti i centri della Sicilia, medi e grandi, utilizzando come parametro d’analisi la stipulazione di un paniere comprendente circa 100 prodotti diversi, dal settore alimentare al costo dei servizi forniti dagli enti pubblici e privati. Le prime statistiche saranno presentate a novembre ed avranno una frequenza quadrimestrale.
Lillo Vizzini, presidente di Federconsumatori, a seguito della firma ha spiegato il valore del patto appena siglato. Attraverso le sue dichiarazioni è facilmente riconoscibile la soddisfazione dovuta sia alla costituzione di un monitoraggio costante dei prezzi che e alla diffusione di dati inconfutabili, rilevati attraverso un’ottica di reciproca collaborazione con le associazioni dei commercianti. La nascita di un osservatorio assume, senza ombra di dubbio, un valore maggiore a seguito dell’avvento dell’euro, in una fase in cui “l’inflazione aumenta costantemente e le famiglie avvertono sempre di più la sindrome della quarta settimana, quando i soldi non bastano per arrivare a fine mese.”.

Anche Giuseppe Pace, presidente di Unioncamere Sicilia, è entusiasta del protocollo d’intesa sottoscritto, e sostiene: “ Abbiamo intenzione di esercitare anche un’azione di calmieramento dei prezzi, agendo sulle imprese nel momento in cui i costi al consumo non rispondessero a quelli di mercato, come succede oggi a causa di grosse sacche di speculazione.”.

Salvatore Taranto