Crea sito

Messina, riscoppia la vertenza scuola: ancora tagli di personale docente negli istituti della provincia

MESSINA – Riscoppia la “vertenza scuola”. Confronto e impegno reale: è quanto Flc Cgil, Cisl e Uil Scuola chiedono nell’ambito di “un ampio quadro di iniziative finalizzate ad ottenere un’inversione di tendenza della politica scolastica”.
I sindacati, che domani, alle 10.30, presso la sede della Cisl (Viale Europa n.58), terranno una conferenza stampa, intendono “rappresentare le moltissime situazioni di sofferenza che si sono registrate in modo particolare in Sicilia ed a Messina, a causa dell’esiguità delle dotazioni di organico docente e Ata attribuite alla fine di un’era di continui tagli, con la conseguenza non soltanto di problemi occupazionali per i docenti ma anche di garanzia del diritto allo studio dei ragazzi, in particolar modo quelli diversamente abili”.
Nel corso della conferenza stampa, non a caso organizzata “in un momento in cui echeggia il messaggio mediatico di consistenti e virtuali immissioni in ruolo del personale precario”, Cgil, Cisl e Uil chiariranno i termini della vicenda ed avanzeranno alcune richieste “per un buon funzionamento della scuola pubblica”.

Allo stesso tempo, in conferenza stampa sarà presentata la campagna di raccolta firme che le segreterie provinciali di Flc Cgil, Cisl e Uil scuola stanno lanciando insieme al “Comitato dei precari” per sostenere le richieste di quest’ultimi, che anche sul fronte degli incarichi annuali devono registrare una forte penalizzazione a causa delle scelte compiute dal Ministero dell’Istruzione e dalla Direzione scolastica regionale. Infatti, espletate in questi giorni le procedure per le immissioni in ruolo, il Csa di Messina procederà al conferimento degli incarichi annuali che si prevede siano in misura inferiore rispetto allo scorso anno, con ulteriore penalizzazione per la scuola messinese.
Alla conferenza stampa parteciperanno i segretari provinciali di Flc Cgil Santo Caliri, Cisl Scuola Elvira Rigoli e Uil Scuola Filippo Salamone. Saranno presenti anche i rappresentanti delle segreterie conferedali di Cgil, Cisl e Uil.