Crea sito

Messina, le vele d’altura si gonfiano su “La Rotta del Cappero e della Malvasia”

MESSINA – La Rotta del Cappero e della Malvasia apre la stagione messinese di vela d’altura messinese Sabato 29 ottobre si apre, con la quattordicesima edizione della “Rotta del Cappero e della Malvasia”, la stagione velica d’altura della provincia di Messina. Visto il grande successo della passata edizione a cui hanno preso parte 37 imbarcazioni per un totale di circa 200 partecipanti, il comitato organizzatore, considerando anche l’interessamento di numerosi equipaggi calabresi e delle provincie di Catania e Siracusa, si augura di poter incrementare ulteriormente il numero di imbarcazioni. Sicuramente folta e massiccia la partecipazione delle società di charter messinesi e calabresi oltre che delle imbarcazioni private che da anni ormai animano le nostre competizioni. Dopo il briefing pre-regata (ore 9 nella piazzetta di Portorosa) la partenza sarà data, come consuetudine, alle ore 10 nelle acque antistanti la Marina di Portorosa che insieme al Marina del Nettuno da sempre appoggia le attività veliche della nostra provincia. Gli equipaggi si misureranno sul percorso Portorosa – Vulcano.

La novità principale di quest’anno è costituita dalla partecipazione della Condotta Val Demone di Slow-Food che curerà la classica bicchierata che da anni precede o segue la premiazione, offrendo ai regatanti un percorso degustativo fra i presidi Slow Food dei nebrodi, delle madonne e delle Isole Eolie.
La 14a edizione della rotta del Cappero e della Malvasia è organizzata dal Circolo della Cultura e delle arti marinaresche “L’Albero”, e con la partecipazione della Sezione Velica della Marina Militare (Sezione di Messina), del Circolo del Tennis e della Vela di Messina, della Lega Navale (Sezione di Messina), del Marina del Nettuno, della Marina di Portorosa e dal sito web www.veledellostretto.it. La Manifestazione è supportata dall’assessorato al Turismo, Sport e Cultura della Provincia Regionale di Messina e dalla associazione Messina Mare nella persona del dott. Carmelo Previti, funzionario dell’Autorità Portuale di Messina.