Crea sito

Lipari, sagra del pane e del vino a Pianoconte

Un caratteristico forno eoliano Foto di © Antonio Brundu

LIPARI – Una tradizione di festa e di sana allegria che da ben 20 anni si ripete nella contrada di Pianoconte (Isola di Lipari), organizzata dall’Associazione A.C.R.S.”Terme di San Calogero”:LA SAGRA DEL PANE E DEL VINO”. La prima edizione (organizzata sempre dagli abitanti della limitrofa Pianoconte, si svolse, nel 1985, a Quattropani, la graziosa frazione del Comune liparese situata su un altopiano dell’isola a circa 400 metri dal livello del mare, da dove si gode un’ampia vista panoramica con le isole di Alicudi, Filicudi, Salina, Panarea e Stromboli.

Successivamente la manifestazione è stata trasferita a Pianoconte, dove buona parte della popolazione è dedita all’attività agricola tradizionale. Ciò ha consentito la conservazione di usi e consuetudini che rappresentano la tipica ed antica civiltà eoliana, basata sulla autenticità e sulla spontaneità della gente del borgo. Quest’anno l’articolato programma è stato suddiviso nei tre giorni di venerdi, sabato e domenica(dall’11 al 13 novembre) ed è stato realizzato, come sempre, con la collaborazione fattiva dei cittadini di Pianoconte , con il contributo dell’Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana,della Provincia Regionale di Messina e di alcuni sponsor,con il patrocinio del Comune di Lipari e con la partecipazione del Club Unesco Isole Eolie. Nel pomeriggio dell’11 novembre è iniziata la “Caccia al Tesoro”per i ragazzi, che si è conclusa nella mattinata della domenica e si è svolto anche il torneo paesano di “Briscola e Tresette”.

Il giorno seguente si sono susseguiti i giochi e le gare nella piazza della chiesa dedicata a Sant’Elena,patrona del paese. La serata, durante la quale sono stati distribuiti “pani caliatu , alivi e vinu nuovu”, è stata allietata da uno spettacolo con canti e balli tradizionali accompagnati da un gruppo musicale isolano.Nelle tre giornate è stato possibile ammirare, nei locali dell’associazione, una mostra fotografica sui 20 anni della sagra con immagini di Nino Manfrè ed Antonio Brundu.Nelle tre serate, invece, durante gli spettacoli di musica e danza sono stati proiettati documentari delle varie manifestazioni svoltesi negli anni precedenti.Inoltre è stata allestita un’ esposizione di prodotti tipici dell’artigianato eoliano , compresi i capperi, il vino e la malvasia di Salina.Nella terza giornata (13 novembre),alle 13 in punto, sempre nella piazza antistante la chiesa, è stata offerta una degustazione con pasta al sugo, salsiccia e vino locale novello.Presente alla manifestazione anche il Sindaco del Comune di Lipari Mariano Bruno, che non ha mancato di ballare nella piazza medesima.Nella mattinata,presso il ristorante “Orchidea”, si è svolto un incontro-dibattito su tema”Valorizzazione dei borghi- Nuove forme di sviluppo sostenibile legate alle risorse naturali e culturali”.Alle 15 i bambini hanno avuto l’opportunità di andare in groppa a cinque cavalli appartenenti a Silvia Carbone,Peppino Casamento,Franco Pintu e Lo Schiavo Masino con la partecipazione della giovane fantina Silvia Rando.Dopo si è dato il via alle gare ed ai giochi popolari con il suono degli organetti a cura dei tre compari. Numerose persone hanno assistito alla “arruzzuliata da stipa”(botte), “a pistata da raggìna”, “a pappata” e ad alcuni mestieri antichi (“a quasetta, u cuccinu, ed ai giochi “du quadrettu”, “u lignieddu”,”i ciàppuli”e”a ‘srummula”).Grande partecipazione per la “Pesca e Vinci” di oggetti vari effettuata nei locali della casa canonica e preparata,con cura,da tutte le donne dell’Associazione”Terme di San Calogero”(Lucia Rigano,Maria Ziino,Graziella Falanga,Rosalia Muleta,Nunziatina Cincotta,Bartolina Cafarella,Venerina Tomarchio, Pietrina Mandarano,Michela Massidda) e da Bartolo Favaloro.

La serata si è conclusa con una manifestazione serale, piena di brio ed allegria, presentata da Gaetano Paino ed allietata dal gruppo musicale di Pianoconte “Attenti a quei tre”(Giuseppe Cincotta,Cristian Manfrè e Salvatore Naso) con la partecipazione straordinaria di Luigi Barrica.Non sono mancati gli odori ed i sapori della gastronomia eoliana con l’assaggio di specialità tipiche accompagnate dal gustoso pane preparato nei forni tradizionali dall’anziano Giuseppe Cincotta e dalle famiglie di Gaetano Cafarella, Nino Cincotta ,Mario Biviano e Peppino Casamento. Sono stati consumati 300 kg. di pane e 280 kg.di salsiccia.e 6 barili di vino (pari a 320 litri).Tutto si è concluso con le premiazioni ed il sorteggio di un tv color,un maialino e tanti altri ricchi premi consegnati dai dirigenti dell’Associazione(Onofrio La Greca – presidente,Nino Manfrè e Angelo Biviano –vice-presidenti, Giovanni Cincotta -segretario e cassiere, Felice e Rita Merlino, Antonino Cafarella,Giovanni La Greca ,Angelo Manfrè e Matteo Gulifa- consiglieri), i quali hanno dato appuntamento al numeroso pubblico presente per il prossimo anno 2006 .

Antonio Brundu