Crea sito

Firenze, poliziotto di Favignana sventa il tentativo di evasione di un detenuto jugoslavo.

FIRENZE– Un detenuto jugoslavo, ricoverato in un ospedale di Firenze, stava tentando la fuga lanciandosi dalla finestra, ma un poliziotto della Penitenziaria che lo sorvegliava, nativo di Favignana, gli si è buttato addosso precipitando insieme sul cemento sottostante, da un’altezza di oltre 5 metri.
Enrico Azzaro, di anni 44, si è fratturato una gamba, un polso ed una caviglia, attutendo con il proprio corpo l’impatto del detenuto con il suolo, che subito dopo si è rialzato dandosi nuovamente alla fuga. Il poliziotto, nonostante le conseguenze riportate a seguito della caduta, l’ha inseguito e ha sparato due colpi in aria con la pistola che è riuscito ad armare con una sola mano, richiamando così l’attenzione dei suoi colleghi che sono prontamente intervenuti, bloccando Graziano Sulemainovic, precedentemente condannato ad una pena da scontare fino al 2020.
Enrico Azzaro è al momento ricoverato presso il Torregalli di Firenze dove sta per essere operato per ridurre la fratture subite al perone, tibia, caviglia e polso della mano destra.
Dal carcere di Sollicciano,dove il poliziotto presta servizio, la direzione ha immediatamente divulgato una nota in cui si esprime “vivo apprezzamento per le capacità professionali ed il coraggio dimostrato dall’assistente Azzaro che ha messo a repentaglio la propria vita pur di evitare l’evasione di un detenuto di così alto spessore delinquenziale.”.

Salvatore Taranto